Ginosa può e deve fregiarsi del titolo di città della Passio Christi. Lo dicono i 40 anni di storia, l'accorata partecipazione dei figuranti, l'impegno della Pro Loco, la lungimiranza di tutte le Amministrazioni Comunali che l'hanno sostenuta.

Il primo convegno della serie intitolata "Ginosa Coltiva Turismo", promossa dal consigliere comunale Giacomo Cassano (delegato a Marketing territoriale, Bilancio e Tributi), ha quindi consegnato all'opinione pubblica un'immagine ancora più forte della Passio: «È una manifestazione – ha dichiarato Cassano – destinata a crescere sempre di più, identificando la nostra città non una sola volta l'anno».

L'appuntamento di giovedì nel teatro Alcanices di Ginosa, intitolato "Nuovi itinerari, antiche emozioni: i riti della passio vivente una risorsa per valorizzare il territorio", ha messo a confronto diversi punti di vista. L'idea era quella di capire quanto la Passio abbia contribuito all'appetibilità turistica di Ginosa e quanto possa farlo ancora.

Giovedì 26 marzo il primo appuntamento dedicato agli attrattori di interesse: riflettori puntati sulla "Passio Christi".

Il 28 marzo Ginosa ospiterà la 41esima edizione della "Passio Christi". Si tratta di un evento culturale e religioso che, tuttavia, pone il territorio di fronte a riflessioni di carattere eterogeneo: è, ad esempio, un potenziale attrattore di interesse turistico?
Il Comune di Ginosa, grazie al fondamentale supporto del Gal "Luoghi del Mito", cercherà di rispondere a questa domanda con il convegno intitolato "Nuovi itinerari, antiche emozioni: i riti della passio vivente una risorsa per valorizzare il territorio". L'evento si terrà due giorni prima della "Passio Christi", giovedì 26 marzo alle 19 nel teatro Alcanices della cittadina ionica, e sarà il primo di una serie di quattro interamente dedicata al tema della ricettività.

L'agricoltura sociale rappresenta un terzo del valore dell'economia informale, quella serie di attività che non vengono considerate per il calcolo del Pil, che non vengono quotate in borsa ma che hanno un alto potenziale umano.

Questo presupposto definisce ulteriormente l'importanza del forum nazionale dell'agricoltura sociale, attivo dal 29 gennaio anche in Puglia. Il forum regionale, che ha presentato la sua piattaforma operativa anche a Laterza il 20 febbraio, sarà il principale interlocutore della regione nella redazione dei progetti che animeranno il piano di sviluppo rurale 2014/2020, che vedrà la luce entro l'anno.

Il Gal "Luoghi del Mito", seguendo la sua missione di promotore delle realtà rurali ioniche, ha trovato l'ennesima strada per sostenere progetti di sviluppo ispirati alla diversificazione.

L'aumento dei flussi turistici, la riscoperta delle matrici culturali e la riqualificazione dei centri storici, infatti, saranno i temi del seminario che si terrà lunedì 23 febbraio alle 19 a Castellaneta, nella cattedrale di San Nicola, evento di punta dell'iniziativa denominata "Borgo antico, la storia di domani". Il Gal, sposando l'ambiziosa idea del Comune di Castellaneta che ha proclamato il 23 febbraio "Giornata del Centro Storico", ha inteso offrire un'altra occasione di approfondimento che si intreccerà con due eventi collaterali.

Si terrà venerdì 20 febbraio nella Sala Cavallerizza del Palazzo Marchesale, dalle ore 13 alle 17.30, l’iniziativa pubblica di presentazione del Forum di Agricoltura Sociale Puglia, per approfondire principi, obiettivo e strumenti per una comunità pugliese dell’agricoltura sociale.

Al forum interverranno il sindaco di Laterza Gianfranco Lopane, il presidente del Gal Luoghi del Mito Paolo Nigro, il direttore del CSM Castellaneta ASL di Taranto dott. Giovanni Vitucci, il dott. Sergio Longo psichiatra CSM ASL Lecce.

Uscire dalla crisi riscoprendo mestieri antichi. E' la ricetta presentata nel convegno "Tra Sacro e Profano: my hand made experience", evento culturale in collaborazione con il Gal Luoghi del Mito e Nuova Hellas, che sabato 17 gennaio ha portato nel suggestivo ipogeo della chiesa rupestre di s. Antonio Abate a Massafra, artigiani e appassionati della tradizione carnevalesca, vera miniera di talenti del comune della provincia ionica.

Mani sapienti che modellano la carta, mestieri antichi e prospettive future, Puglia miniera di opportunità e di talenti.

A Massafra, sabato prossimo, appassionati, cittadini e addetti ai lavori si incontreranno nella chiesa rupestre di Sant'Antonio Abate per l'evento culturale intitolato "Tra Sacro e Profano: my hand made experience". Organizzato dal Gal "Luoghi del Mito" e dall'ufficio turistico "Nuova Hellas", con il sostegno del comune di Massafra, servirà a riflettere sulla ricchezza dell'artigianato locale con un approccio molto diretto.

Chi vorrà, infatti, potrà "toccare con mano" la magia della cartapesta grazie ai laboratori creativi che faranno da contrappunto agli interventi di diversi e autorevoli relatori.

Il progetto di cooperazione "Rete di itinerari enogastronomici transnazionali per la promozione del modello culturale alimentare del made in Italy pugliese - TEI.Net", di cui il Gal "Luoghi del Mito" è capofila, punta alla creazione e promozione di un'offerta turistica rurale che partendo dalle eccellenze locali sia in grado di promuoverle su scala internazionale.

Attraverso il presente avviso, il GAL Luoghi del Mito avvia la raccolta/acquisizione di manifestazioni di interesse di aziende del territorio, a titolo non esaustivo, operanti nel settore agroalimentare di produzione e/o trasformazione di: vino, olio, grano, legumi, ortofrutta, latticini e formaggi, e dell'ospitalità es. agriturismi, ristoratori, ecc che intendono aderire alla "Rete transnazionale degli itinerari enogastronomici" del progetto di Cooperazione TEI.Net mediante la partecipazione ad uno o più dei seguenti percorsi:

  • Percorso del vino
  • Percorso dell'olio
  • Percorso del grano
  • Percorso dei legumi
  • Percorso dell'ortofrutta
  • Percorso dei latticini e formaggi

Le Aziende aderenti saranno inserite negli itinerari enogastronomici transnazionali per la promozione del modello culturale alimentare del Made in Italy Pugliese - Progetto TEI. Net - realizzate dal GAL Luoghi del Mito.

In particolare le Aziende saranno inserite sul sito del progetto TEI.Net, e fruiranno, grazie all'adesione alla "rete transnazionale dei percorsi enogastronomici", creata con i GAL partner, della partecipazione ad una serie di azioni di valorizzazione nell'ambito progetto TEI.Net (azioni di viral marketing, iniziative di incoming, B2B con gli operatori di settore, eventi relativi al turismo enogastronomico collegati ad Expo 2015, riproduzione nel materiale promozionale multilingua sull'offerta turistica enogastronomica: brochure, guide multilingue, road book, ecc).

La scheda di manifestazione di interesse per l'adesione alla creazione della rete transnazionale degli itinerari enogastronomici, scaricabile sul sito www.luoghidelmito.com, dovrà pervenire presso la sede del GAL Luoghi del Mito, Via Turi sn 74017 Mottola (TA) entro e non oltre le ore 14.00 del 13 Gennaio 2015.

NARDONI: «GAL PROTAGONISTI, ALL'EXPO PUGLIA PORTAVOCE PER TUTTA L'ITALIA»
A Palagiano convegno dedicato al clementine Igp e aperto agli alunni degli istituti superiori

Il ruolo dei Gal nella prossima programmazione dei fondi europei sarà ancora centrale.

Lo ha confermato l'assessore regionale alle Politiche Agricole Fabrizio Nardoni durante il convegno intitolato "Nuove opportunità di impresa per i giovani", appuntamento dedicato in particolare al Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020. Il convegno, tenutosi sabato 20 dicembre 2014 nel Teatro Comunale di Palagiano, ha focalizzato l'attenzione dei presenti sul prodotto "principe" dell'agricoltura locale, il clementine Igp del Golfo di Taranto, declinato nella sua veste di opportunità per i più giovani, appunto.

Pagina 3 di 6

italia puglia green

Sede

 Viale Turi, sn · 74017 Mottola (Ta)

 +39 099 8866021

 info@luoghidelmito.it